Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Le stufe a pellet canalizzabili prevedono il riscaldamento di ambienti fino ai 100 mq – in base alla loro potenza termica disponendo di un’ottimale resa termica del combustibile e di una regolazione della temperatura di ambiente in ambiente. Spesso, infatti potrebbe capitare di necessitare di differenti tipologie di riscaldamento di locale in locale in base all’uso a cui è adibito, alla temperatura ambientale e dalle attività che si svolgono in quel determinato ambiente – in cucina, per esempio, solitamente la temperatura richiesta è di gran lunga inferiore rispetto a quello delle altre camere, in quanto si cucina e anche il calore degli occupanti incide sull’aumento della temperatura ambientale.

(Esempio di stufa a pellet canalizzata con installazione a parete e rivestimento in stile moderno della Ravelli Group – da Ravelli.it)

Come scegliere la stufa a pellet canalizzata: cosa valutare

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Al momento dell’acquisto è necessario, dunque, scegliere di quante vie di canalizzazione si abbia bisogno. In linea generale, questa tipologia di stufa a pellet non è particolarmente indicata per case costruite su più piani, in quanto la valvola per la diffusione dell’aria dovrebbe avere una maggiore potenza e produrre un rumore fastidioso – sopratutto se abitate in condominio.

Se, invece, la vostra casa comprende un solo piano e gli ambienti da riscaldare sono adiacenti, la maggiore potenza della valvola non è importante, altrimenti è necessario optare per il riscaldamento della vostra casa con l’acqua dei termosifoni e una normale stufa a pellet ad acqua. Questo perché l’ottimizzazione della diffusione del calore è dovuto all’ampiezza della casa, alla lunghezza dei tubi per raggiungere i locali adiacenti e al numero delle ventole installate negli ambienti, ma soprattutto dall’isolamento della casa che ne garantisce la diminuzione delle dispersioni termiche.

In commercio è possibile trovare numerose tipologie di stufe a pellet canalizzate che esteticamente sono identiche alla tipologia tradizionale di stufa a pellet. La sola variabile è nel sistema di tubi e bocchettoni che vengono installati in ogni ambiente della vostra abitazione per trasmettere e diffondere il calore generato dalla struttura principale in maniera immediata e con un sensibile risparmio energetico. E’ infatti possibile eliminare l’utilizzo di qualsiasi altro sistema di riscaldamento e sfruttare unicamente la stufa a pellet canalizzata.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

La stufa a pellet Club Comfort Air è uno dei tanti modelli di stufe a pellet canalizzate presenti nel catalogo MCZ, che permettono di riscaldare la casa in maniera ancora più conveniente.

Il sistema Comfort Air® brevettato da MCZ rappresenta un ulteriore passo avanti, nella tecnologia della canalizzazione. L’aria calda, anziché spinta forzatamente verso l’esterno, viene invece aspirata e diffusa. Ciò assicura una propagazione più efficiente e uniforme del calore.

Come funziona una stufa a pellet canalizzata

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

  • I condotti per canalizzare l’aria calda hanno un diametro variabile a seconda del sistema scelto. Le canalizzazioni Comfort Air® di MCZ hanno un diametro di circa 60 mm. L’ingombro ridotto ne facilita l’installazione anche in tramezze e paretine non portanti.
  • È possibile riscaldare più piani.
  • Oltre alla stanza in cui è installata la stufa, potrai scaldare due o più zone della casa, a seconda del numero di ventilatori presenti nella stufa e della disposizione delle stanze.
  • Le canalizzazioni sono di norma realizzate in alluminio flessibile. Le canalizzazioni Comfort Air® di MCZ possono raggiungere tranquillamente fino a 8 metri di distanza, assicurando aria calda in uscita a una temperatura costante di 80°C .
  • Se nel modello di stufa a pellet canalizzata che hai scelto sono presenti più uscite per le canalizzazioni, puoi decidere di usarne una per riscaldare l’ambiente con superficie più ampia e e sdoppiare l’altra. In questo caso, però, devi avere l’accortezza di effettuare due diramazioni di uguale lunghezza, per garantire un’analoga portata d’aria calda in entrambi gli ambienti.
  • Oltre alle canalizzazioni il tecnico poi posizionerà dei diffusori, cioè delle griglie da cui far fuoriuscire l’aria calda. Sul mercato ce ne sono tantissime varianti, monodirezionali, bidirezionali o multidirezionali, che ti permettono di regolare manualmente o tramite un telecomando il flusso d’aria in uscita.

Installare una stufa a pellet è un modo ecologico ed economico per riscaldare un ambiente domestico. Il risparmio è ancora maggiore se scegli una stufa a pellet canalizzata, che di stanze ti permette di riscaldarne anche più di una. L’aria calda generata dalla combustione del pellet può essere convogliata fino a 8 metri di distanza senza perdite di calore, permettendoti così di riscaldare più stanze con un unico generatore.

Per installare una stufa di questo tipo servono alcuni lavori di edilizia. Cominciamo dal funzionamento della stufa per capire quali interventi saranno necessari.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Sul mercato possiamo trovare due tipi di stufa a pellet, ovvero quella con un ventilatore frontale che mandano aria calda, e quelle predisposte per la canalizzazione, cioè che possono convogliare l’aria verso le altre stanze attraverso dei condotti a parete. Se quindi dobbiamo scaldare un intero appartamento o una casa su più livelli utilizzando un unico generatore, la stufa a pellet canalizzata può essere davvero la soluzione alternativa che stavi cercando.

Piccola premessa: non possiamo improvvisarci tecnici! Cerchiamo sempre un valido professionista che sappia progettare l’intervento più idoneo per la stufa a pellet canalizzata ideale per i nostri ambienti. Infatti, oltre a consigliare il diametro migliore per le canalizzazioni, che dipenderà dal modello della stufa principalmente, ci saprà indicare i vari modelli sul mercato, consiglierà la posizione e il tipo dei diffusori che cerchiamo.

Quindi, i lavori edili che si dovranno affrontare saranno quelli per far passare l’impianto tra i vari ambienti, le tubature potranno essere esterne o murate, a seconda del tipo di intervento che intendiamo fare.

Cosa si intende per stufa a pellet canalizzata

Se credi di non poter sostenere in questo momento dei lavori di tale entità, si può sempre pensare al riscaldamento alternativo con il pellet con una termostufa che si colleghi all’impianto idraulico esistente. Nella termostufa la combustione del pellet riscalda l’acqua che circola nell’impianto a pavimento o nei termosifoni di casa, assicurandoti tutto il calore di cui hai bisogno.

Ecologica ed economica, la stufa a pellet può essere davvero la soluzione che stavi cercando per riscaldare la tua casa: il risparmio si fa maggiore se optiamo per una stufa a pellet canalizzata, che consente di riscaldare contemporaneamente più stanze, perché l’aria calda – prodotta dalla combustione del pellet – può essere convogliata fino a 8 metri di distanza senza dispersione di calore. Vediamo insieme come funziona e gli interventi di edilizia che sono necessari.

Dal 2013 è vietato lo scarico a parete senza canna fumaria, per cui, se intendi utilizzare un impianto di riscaldamento con la stufa a pellet canalizzata, è necessario prevederne una. Nel caso in cui l’ambiente da scaldare abbia già la canna fumaria, bisogna verificarne il giusto funzionamento per evitare brutte sorprese. Alla luce degli interventi necessari, l’ideale sarebbe predisporre la canalizzazione con la stufa a pellet durante una ristrutturazione o addirittura in fase di costruzione della nuova casa.

Hanno una discreta autonomia. Un carico della tramoggia della stufa può durare anche 2 giorni.

Nelle varie stanze vi saranno anche dei termostati regolabili che consentiranno di impostare a piacimento la temperatura desiderata. Essi saranno anche loro in collegamento col microprocessore della centralina e forniranno il necessario feedback per poter regolare i parametri della stufa in maniera che questa sia in grado di convogliare in ogni ambiente il giusto flusso di aria calda..

L’aria calda viene forzata nella canalizzazione dalla ventola di espulsione di cui è dotata la stufa. Se l’ambiente da riscaldare ha una cubatura consistente, per ovviare alle perdite di carico, che fatalmente si avranno nei tubi, e per favorire un ricircolo più rapido ed efficiente, lungo la canalizzazione sanno posizionate delle ventole ausiliarie che comunque saranno pilotate (accensione e regolazione della velocità) dalla centralina a microprocessori della stufa.

Vantaggi delle stufe a pellet canalizzate.

Le canalizzazioni richiedono opere murarie importanti. L’idea migliore sarebbe una loro installazione in concomitanza dei lavori di ristrutturazione.

Le ventole lungo l’impianto di canalizzazione sono rumorose.

Ritornando quindi all’esempio numerico precedente il fabbisogno termico si otterrà col semplice calcolo 360 x 35 = 12600 kilocalorie/ora.

La spesa per portare a casa una stufa a pellet canalizzata va da un minimo di 1200 € ai 5000 € ed oltre ed a tale importo vanno aggiunte le spese per la canalizzazione che vanno quantificate di caso in caso in funzione della lunghezza dell’impianto e delle opere murarie necessarie.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Per l’espulsione dei fumi si può utilizzare una canna fumaria esistente se la caldaia viene smantellata, oppure un condotto appositamente costruito con materiale e dimensioni idonee alle norme UNI (per i modelli denominati senza canna fumaria). La canna fumaria dovrà essere dotata di un sistema di aspirazione in modo da evitare perdite di fumo, permettendo così il funzionamento della stufa al massimo delle sue potenzialità.

Per l’emissione del calore dalle tubazioni nei vari locali si utilizzano griglie rotonde o rettangolari in acciaio o in tinta con la parete dimensionate e collocate in base a vari fattori, quali l’ampiezza dei locali, la loro adiacenza o meno ad altri locali da riscaldare, e alla destinazione della stanza da riscaldare.

Come scegliere una stufa canalizzata

I vantaggi, per molte di queste stufe a pellet, sono quelli ad esempio di poter usufruire di detrazioni fiscali a fronte di una resa in termini di potenza e potere riscaldante davvero elevata, risparmiando anche energia: è il caso, ad esempio, delle stufe a pellet San Marco, nei modelli Cortina, Sestriere e Courmayeur molto apprezzati dal pubblico grazie all’alta classe energetica (A+ e A++), alla certificazione 4 stelle, che ne garantisce appunto la detraibilità fiscale, il rapporto qualità prezzo conveniente e, per alcuni modelli, la garanzia fino a 5 anni del corpo caldaia.

Nello stesso tempo si può rispondere all’esigenza di riscaldare maggiormente alcuni locali rispetto ad altri il cui l’utilizzo ha altre necessità (affollamento, funzione, destinazione, posizione nell’abitazione), grazie alla personalizzazione della diffusione del calore di mandata. Diversificare la trasmissione del calore permette inoltre un notevole risparmio energetico.

Grazie a un timer si può programmare la tempistica di funzionamento della stufa, la velocità delle ventole e la gradazione del calore. All’aumentare del diametro delle tubazioni da canalizzare diminuisce il tempo in cui il locale raggiunge la temperatura corretta riducendo l’eventuale rumore.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Se consideriamo di tenere la stufa in funzione circa 8 ore al giorno, durante la notte per esempio, possiamo concludere che 15 kg (e quindi 5 euro) sono sufficienti per garantirci una casa calda e accogliente per due giorni interi.

Se a tutto ciò aggiungiamo che gli ultimissimi modelli sono molto curati anche dal punto di vista estetico per entrare pienamente in armonia col resto dell’arredamento, una stufa a pellets ad aria canalizzata diventa la scelta ottimale per chi ha necessità di portare un po’ di calore a casa propria.

L’aria calda prodotta viene automaticamente immessa nell’ambiente circostante attraverso delle griglie presenti sulla stufa e ormai quasi tutti i modelli sono dotati di ventole che ne favoriscono la diffusione.

Canalizzare una stufa a pellet: cosa sapere

Avere in casa una stufa di questa tipologia, piuttosto che una delle tradizionali stufe a legna da sempre presenti sul mercato, è fonte di numerosi vantaggi e benefici: risparmio energetico, rispetto dell’ambiente, calore diffuso uniformemente e la possibilità di programmare accensione e spegnimento.

Tale sistema di canalizzazione era inizialmente costituito da tubi in metallo che oggi sono quasi totalmente scomparsi a favore di materiali come il polipropilene e il polibutilene, fortemente resistenti alle alte temperature e al deterioramento che ne consegue.

In quest’articolo, se vuoi approfondire, ho fatto un testo proprio su stufe a pellet prezzi.

Quel che è certo è che una stufa a pellets canalizzata rappresenta la scelta migliore per chiunque abbia bisogno di riscaldare la propria casa.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Allo stesso modo, dovrete tenere in considerazione l’eventuale isolamento termico di una casa o un appartamento. Se gli infissi sono vecchi, probabilmente sarà necessaria una potenza termica maggiore.

Dalla stufa verranno infatti realizzato il sistema di canalizzazione che porterà il calore nei locali interessati, per avere un calore equamente distribuito, e utilizzare la stufa a pellet come unica forma di riscaldamento casalingo.

Le stufe a pellet canalizzate, per scaldare più stanze utilizzano un sistema di canalizzazioni, ovvero di tubi, che trasportano l’aria calda prodotta dalla stufa nei locali vicini. Solitamente per ottenere un riscaldamento ottimale, questi locali dovrebbero essere sullo stesso livello di quello dove è posizionata la stufa, o a quello immediatamente superiore.

A chi è consigliata

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

L’aria calda prodotta dalla stufa viene immessa nell’ambiente, mentre i fumi prodotti dalla combustione del pellet, vengono espulsi all’esterno.

Naturalmente, e per fortuna, esistono dei modelli di stufe a pellet prive della canna fumaria, per le quali non sono necessari particolari lavori di muratura.

Inoltre, dovete considerare che, scegliendo una stufa canalizzata, dovrete sostenere anche alcune opere murarie. Infatti sarà necessaria una canna fumaria, se questa non è già presente, e le varie canalizzazioni. Il momento migliore, sarebbe quello di compiere l’installazione durante lavori di ristrutturazione.

Le stufe a pellet canalizzate servono per scaldare più stanze diverse dello stesso appartamento, utilizzando un’unica stufa a pellet. Oggi vi spiegheremo come funziona questo genere genere di stufa e quali vantaggi può portare.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Molte stufe canalizzate sono dotate di più ventole utilizzabili in maniera indipendente; in questo modo è quindi possibile decidere di riscaldare maggiormente alcune stanze piuttosto che altre a seconda delle necessità o delle esigenze.

Vuoi saperne di più sulle stufe a pellet canalizzate o vorresti qualche informazione specifica sui modelli in commercio?

Esempio di sistema di canalizzazione applicato ad una stufa a pellet

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Il pellet è un prodotto ottenuto dagli scarti della lavorazione del legno, quali segatura, trucioli e piccoli frammenti, in modo del tutto naturale; questi prodotti di scarto, attraverso un processo di lavorazione, sono dapprima polverizzati e poi essicati e compattati fino a prendere la loro tradizionale forma a cilindro.

La domanda di stufe a pellet si è fatta sempre più elevata negli ultimi anni, dovuta in buona parte dagli innumerevoli vantaggi che esse offrono: accensione e spegnimento programmabili, praticità d’uso, ricariche di serbatoio che durano anche un paio di giorni.

  • – Le canalizzazioni di aria calda prevedono delle tubazioni di un certo spessore, motivo per cui risulta difficile poterle contenere nella sezione dei muri o del pavimento.
  • – Essendo un sistema di riscaldamento ad aria forzata sarà inevitabile una leggera rumorosità.

La stufa a pellet canalizzata permette di diffondere l’aria calda nelle stanze vicine a quelle in cui questa è posizionata e per questo motivo è una tra le stufe a pellet più amate dai nostri clienti. Sulla parte posteriore presenta due o più uscite (in aggiunta a quella per lo scarico dei fumi) e per poter funzionare, ha bisogno di tubature che corrano lungo le pareti di casa, tra cui un collegamento indispensabile ad uno scarico che giunga fino al tetto, più comunemente conosciuto come canna fumaria. Naturalmente la sua installazione deve essere attenta e meticolosa e soprattutto è bene che vengano coinvolti installatori esperti, anche perché non tutti dispongono già delle canalizzazioni necessarie e in questo caso è compito loro crearle. Inoltre, se ti preoccupa l’estetica, è possibile far passare le canalizzazioni interne lungo finte colonne o all’interno di pannelli in carton-gesso direttamente accanto al muro.

Un’alternativa a queste metodologie può essere rompere direttamente le pareti per inserirvi tubature ancora più particolari, come quelle realizzate in materiale plastico resistente al calore, per un lavoro ancora più preciso.

Cosa distingue una stufa a pellet da un’altra? Le caratteristiche fondamentali da tenere in considerazione nella fase d’acquisto sono senza dubbio l’alimentazione, la resa termica massima, e il volume riscaldabile. L’ultimo valore è probabilmente il più importante perché ci darà indicazioni sulla grandezza dell’ambiente che riuscirà a riscaldare, ma ora vediamo qual è effettivamente la stufa a pellet canalizzata migliore presente sul nostro sito.

Perchè scegliere una stufa a pellet canalizzata

Girarci tanto intorno non porterebbe a nulla di produttivo: le stufe a pellet canalizzate non hanno un costo propriamente economico perché comportano un investimento iniziale, ma una volta fatto questo, il risparmio sarà notevole sulla bolletta e tutti i soldi investiti, verranno recuperati anche con gli interessi. Il suo costo è determinato anche dal montaggio dell’impianto di canalizzazione, perché generalmente è difficile che sia già presente in casa. Tuttavia, tutto questo è motivato dal fatto che sarai in grado di riscaldare un intero appartamento e la sua fonte di alimentazione ,ovvero il pellet, è molto economico oltre che ecologico e con una semplice pulizia periodica dei filtri e della canna fumaria, la stufa a pellet avrà un’efficienza impeccabile per anni e anni.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

Grazie alla speciale dotazione di una ventola ausiliaria, i suoi soli 25 cm di profondità diventano fonte di calore anche per le altre stanze e piani della casa.
Potenza termica nominale Kw 7,6

Come funziona una stufa a pellet canalizzata?
La stufa a pellet canalizzata funziona attraverso un sistema di tubature che “canalizzano” l’aria e la trasportano in più stanze o piani della casa.
Grazie alla personalizzazione dell’installazione, è possibile prevedere che alcuni locali siano più riscaldati rispetto ad altri e dove è possibile, le tubazioni possono essere previste sotto il pavimento, in modo da minimizzare l’intervento e renderlo esteticamente meno invasivo. Un’altra soluzione è quella di far passare le tubazioni a soffitto, nascondendole dietro un apposito rivestimento in cartongesso, in modo da ridurne l’impatto visivo. L’immissione del calore nelle stanze avverrà attraverso delle griglie (in acciaio o in tinta con la parete), la cui collocazione verrà studiata tenendo conto di diversi fattori, tra cui l’ampiezza dei locali e la loro adiacenza con le altre stanze.

Scelta della stufa a pellet canalizzata
Linea VZ propone moltissimi modelli di stufa a pellet canalizzata, per scegliere il modello giusto è fondamentale conoscere la cubatura dell’ambiente da riscaldare e in base ad essa calcolare il fabbisogno termico dell’abitazione.

Cosa sono le stufe a pellet canalizzate.

  • È un sistema ecologico: l’emissione di CO2 è infatti molto più bassa rispetto ad altri sistemi di riscaldamento. Una stufa a pellet canalizzata rispetta l’ambiente!
  • È un sistema economico: i costi di riscaldamento sono davvero bassi, il pellet è un combustibile facile da reperire a prezzi bassi e il suo rendimento è davvero ottimo. Una stufa a pellet canalizzata fa risparmiare!
  • È un sistema autonomo: il funzionamento di una stufa a pellet canalizzata può essere programmato a seconda delle esigenze, impostandolo a partire da determinate ore del giorno o come lo riteniamo opportuno.

Vantaggi di una stufa a pellet canalizzata

È possibile installare una stufa a pellet che risponda al riscaldamento di più stanze o addirittura più piani della casa? Assolutamente si, attraverso un modello di stufa canalizzata. Questo tipo di stufe rappresentano una vera e propria rivoluzione in tema di riscaldamento domestico e sono associate a numerosi vantaggi.

Scopriamo insieme due dei nostri modelli predisposti per la canalizzazione:

http://magazine.yourfire.com/it/stufa-a-pellet-canalizzata-quali-lavori-servono
http://www.pgcasa.it/articoli/riscaldamento/stufa-a-pellet-canalizzata-scegli-la-soluzione-alternativa__18328
http://www.faidate360.com/Stufe_a_pellet_canalizzate.html
http://www.casaeaffini.it/stufa-a-pellet-canalizzata/

http://stufepelletprezzi.myblog.it/2015/10/28/stufe-a-pellets-aria-canalizzata-guida-allacquisto/
http://www.lestufeapellet.it/come-funzionano-stufe-pellet-canalizzate/
http://zanellapavimenti.com/2018/11/08/stufa-pellet-canalizzata-come-sceglierla-come-funziona/

http://www.stufe-a-pellet.org/tipologia/stufe-a-pellet-canalizzatte
http://www.lineavz.it/blog/60-stufe/1841-stufa-pellet-canalizzata-riscaldare-casa

ALTRO