. breve Vademecum per la coppia felice .


. si deve amare il partner non un’idea . amare non significa adattarsi ciecamente all’altro e vivere in maniera faticosa il rapporto . ascoltare l’altro (senza volerlo cambiare) va bene, ma aprire gli occhi su se stessi и ancora meglio . sono proprio le relazioni inaspettate a rilevare i lati di noi interessanti e tutti da scoprire. la coppia funziona solo se c’и avventura, mistero, fantasia, rispetto, attrazione, entusiasmo e passione: si и trascinati dalla sorpresa e dall’imprevisto . i conflitti servono ad affermare la propria indipendenza . no alle relazioni gabbia in cui i doveri superano i piaceri . no a sacrifici del tutto inutili che oltre ad andare “controvento” ti fanno andare fuori strada . se si considerano leciti i propri bisogni non solo la vita sarа piщ semplice e il benessere immediato, ma le relazioni saranno davvero piщ autentiche e felici. quando si и aperti al piacere non si и mai inscatolati, ma piщ lucidi, attenti e con la mente sgombra . il piacere non deve essere una piccola concessione ma un vero diritto . il piacere e la felicitа sono condizioni irrinunciabili per la salute fisica e mentale . se non c’и piacere spontaneo manca sempre qualcosa – tutto diventa faticoso, complicato e stressante – anzi la sua assenza lascia spesso una fastidiosa e inspiegabile ereditа: depressione, ansia, ipocondria e attacchi di panico . molto spesso, senza accorgersene, ci si mette insieme per un “incastro” psicologico dettato e obbligato dall’incontro delle personalitа coinvolte . il rapporto diventa pesante quando ad alimentarlo non и piщ la passione ma l’abitudine e la noia . le relazioni “spente” fanno lievitare (appesantire) il corpo mentre la voglia di avventura “snellisce” (allegerisce) completamente la coppia . … ogni amore и avventura… l’amore и una scintilla che scatta all’interno, arriva all’improvviso, senza rispettare nessun progetto, proprio per mandarci a gambe all’aria quando siamo troppo controllati… non bisogna rinunciare a vivere per assecondare il partner: il vero amore non blocca ma fa crescere entrambi… il rapporto finisce quando entrano in gioco elementi che lo rendono innaturale: recite, tensioni e sforzi ma, soprattutto, da interferenze e indebiti interventi esterni come consigli, critiche e aspettative… non si ama per annullarsi nell’altro… non si potrа mai essere felici se nascondiamo le vere passioni, se si vive per l’applauso, per farsi accettare, per fare bella figura: uniformarci incondizionatamente si recita una parte non sentita che nasconde solo rabbia e aggressivitа da troppo tempo trattenuta… i litigi e le discussioni non scendono in campo a stabilire chi ha ragione, ma a smuovere le energie di un vivere troppo statico: ruoli fissi che svuotano la coppia.… no tenere il muso… un amore troppo ‘sicuro’ inquina la mente e crea un rapporto scontato che non infiamma… SAPPIATELO le persone “sbagliate”, intossicano, soffocano, fanno star male… SONO NOIOSE.

Test: Quale emisfero usi?

“); //–> ” document.writeln(str+str2); > return false; > //–>

Quale emisfero usi?

Emisfero sx: valuta cose e situazioni mentre quello dx le apprezza o le disprezza: uno scambio “buono” dei due emisferi porta ad una sintesi, ad una decisione e di conseguenza ad un’azione, ad una scelta (fare o non fare) …


Nessuno di noi и del tutto “destrorso” o “sinistrorso”, ma come alcuni tendono a usare la mano sinistra oppure la destra, cosм molti tendono a usare una modalitа di pensiero invece dell’altra. Questo Test vi aiuterа a capire qual и l’emisfero del cervello che prevale in voi. Una volta che lo avrete accertato, potrete cominciare a esercitarvi per rafforzare l’emisfero opposto e renderlo piщ partecipe alla formazione del pensiero. Se esiste una buona integrazione nell’attivitа dei due emisferi, vi sarа piщ difficile scegliere le risposte ai singoli quiz. Per ricavare dati significativi dal test, date di volta in volta la risposta che meglio si adatta al vostro caso, quella piщ vicina al modo in cui tendete a pensare e agire.


LA STRUTTURA EVOLUTIVA DEL CERVELLO UMANO


1. La corteccia cerebrale. Questa parte del cervello и sede del linguaggio, del pensiero, della programmazione, dell’organizzazione e della coscienza.

2. Il sistema limbico (noto anche come cervello emozionale o mammifero). E’ il centro emozionale che crea le sensazioni, pur rimanendo inconscio. E’ il generatore degli impulsi piщ potente del sistema nervoso e quello che piщ influisce sul comportamento.

3. Tronco cerebrale e cervelletto (rettiliano). Il piщ antico dei tre cervelli, и responsabile degli aspetti piщ meccanici del corpo: moto, sensi e reazioni istintive.

Le intricate connessioni fra i tre cervelli non sono affatto funzionali: spesso la comunicazione viene del tutto interrotta e ciт puт causare una scissione, che ci porta ad agire secondo un’unica modalitа: fisica, emotiva o mentale. Il tronco cerebrale o cervello rettiliano – che и parte del nostro retaggio evolutivo – и anche il piщ antico dei nostri cervelli. Vi ha sede l’intelligenza primordiale, che ci permette di sopravvivere ed и responsabile delle reazioni di “fuga”, “lotta”, “cibo” e “riproduzione”, a cui и stata aggiunta di recente quella di “blocco”. Queste risposte istintive determinano le nostre reazioni immediate a stimoli imprevisti e costituiscono la principale tattica di sopravvivenza di ogni animale. Anche queste strategie possono diventare abituali o ossessive, come accade per molte delle cose che facciamo. Spesso, da bambini, siamo costretti a reagire a situazioni di pericolo, che impongono una scelta tattica. Possiamo scegliere, ad esempio, di affrontare un cane inferocito o di fuggire. Possiamo trovare consolazione nel cibo, nelle attivitа sessuali o bloccati quando lo stress si fa intollerabile. Si tratta di comportamenti del tutto naturali, ma se scegliamo costantemente un solo tipo di reazione escludendo tutte le altre, essi cominciano a determinare le nostre risposte in modo malsano. Se и piщ prudente fuggire da un gruppo di animali inferociti che potrebbero farci male, la stessa modalitа reattiva non risulta piщ necessaria in una situazione che non appare pericolosa. Quando arriviamo per gradi a vedere tutto come una potenziale minaccia e siamo troppo occupati a scappare per capire se dobbiamo davvero farlo o meno, allora tale reazione controlla e gestisce completamente il soggetto. E’ difficile identificare queste reazioni istintive, e ancor piщ difficile и modificarle, in quanto sono direttamente collegate alla parte piщ antica e inconscia del cervello (cervello rettiliano). Oltre a ciт, tutti i nostri aspetti inconsci sono soggetti a diventare robotici, meccanici e impermeabili al sentimento e alla sensibilitа, un po’ come un vecchio disco che s’incanta e ripete all’infinito la stessa melodia, fino a quando qualcuno o qualcosa non interrompa il suo ciclo reiterativo.

Il nostro cervello emotivo (sistema limbico) o – per dirla in termini evoluzionistici – “mammifero” и localizzato nel centro, inserito nel guscio protettivo della corteccia esterna. E’ piщ antico dell’apparato cognitivo della corteccia cerebrale e, di conseguenza, i canali che partono da esso sono di gran lunga piщ numerosi di quelli che vi fanno ritorno provenendo dal suo omologo pensante e cosciente. Ciт non sembrerebbe importante, almeno a livello superficiale, poichй si ritiene che il cervello emotivo sia completamente inconscio: le sue reazioni filtrano verso il cervello conscio solo quando viene attivato da qualche stimolo. Dunque, questo meccanismo relativamente piccolo e in gran parte inconscio influenza e modella il nostro comportamento in modo del tutto sproporzionato rispetto alla sua grandezza, rivelandosi molto piщ potente della corteccia cerebrale, che и di dimensione maggiore. La maggior parte dei nostri impulsi e desideri vengono elaborati o nascono in questa zona. Il sistema limbico registra gli stimoli in entrata molto prima che questi raggiungano la corteccia attraverso percorsi piщ tortuosi. Ciт significa che le situazioni impreviste vengono affrontate addirittura prima che la corteccia cerebrale riconosca il bisogno di reagire. Gli effetti dei cambiamenti ormonali relativi ai neurotrasmettitori provocati dal sistema limbico (aumento del battito cardiaco o della pressione sanguigna) si verificano un secondo prima di essere registrati a livello cosciente. Spesso prendiamo per emozioni queste esperienze, che sono in realtа trasmissioni di dati direttamente dal sistema limbico alla corteccia. Questa non и solo una strategia vitale per la sopravvivenza, ma determina anche buona parte del nostro comportamento inconscio. Il sistema limbico ha bisogno di un alleato cosciente per interpretare ciт che sente. Qui entra in gioco la corteccia, anche se il collegamento tra i tre cervelli и tuttora imperfetto, spesso si rilevano fraintendimenti e difetti. Mentre la natura perfeziona la sua opera d’arte, siamo purtroppo costretti a rimanere inconsapevoli di ciт che avviene nella nostra testa. Tuttavia, il nostro comportamento inconscio – nel momento in cui affiora alla coscienza – si modifica istantaneamente… il centro emozionale inconscio, controlla il nostro comportamento, domina le azioni senza la previa autorizzazione della coscienza. Sembra che il semplice meccanismo di ricompensa o punizione utilizzato dal sistema limbico di traduca in una sensazione di espansione o contrazione. Ogni volta che sperimentiamo benessere, euforia, estasi e soliditа, prevale un senso di espansione della coscienza e di totale libertа. Il dolore, l’angoscia, la depressione e la sensazione di essere in trappola sono all’origine dei disturbi psicologici piщ comuni della societа moderna. Eppure, noi facciamo di tutto per abbracciare l’infinito, alcuni con alcol o droghe che alterano la mente e l’umore, altri grazie alla temporanea sensazione di libertа che l’amore, il denaro o il potere sembrano poter dare; altri ancora attraverso il corpo e gli sport estremi. Le cause della felicitа o della sofferenza vengono sempre piщ spesso ricercate nel funzionamento del nostro apparato chimico, troppo o troppo poco considerato. Ma, se non ci и possibile controllare immediatamente molte funzioni del nostro corpo, и pur vero che le alterazioni dell’attenzione conscia modificano la chimica del sistema emozionale. Una maggiore consapevolezza rende piщ facile mutare la natura dei nostri modelli di comportamento inconsci. All’interno del cervello, vari tipi di cellule producono circa cinquanta diversi neurotrasmettitori, sostanze biochimiche che trasmettono gli impulsi nervosi da una cellula all’altra. I sei neurotrasmettitori piщ importanti sono:

Serotonina. Agisce sull’umore e sugli stati d’ansia. Crea serenitа, un senso di calma e ottimismo.

Acelticolina. Associato alla concentrazione, alla memoria e all’apprendimento. Noradrenalina. Sostanza chimica stimolante, che crea eccitamento nervoso e miglioramento dell’umore.

Glutammato. Neurotrasmettitore eccitante che contribuisce a connettere i neuroni tra loro. Costituisce inoltre la base della memoria a lungo termine e dell’apprendimento.

Encefaline ed endorfine. Neutralizzano dolore e stress e danno una vaga sensazione di calma interiore.

Il cervello limbico (o emotivo) и composto da: talamo, ipotalamo, ippocampo, amigdala e putamen.

Talamo. Permette di usare contemporaneamente vista, udito, olfatto e tatto. Trasmette le informazioni in entrata alle parte del cervello appropriate, dove vengono elaborate.

Ipotalamo. Mette continuamente a punto il corpo per adattarlo all’ambiente esterno.

Ippocampo. E’ coinvolto nell’elaborazione della memoria secondaria, che trasferisce alla corteccia a tempo debito.

Amigdala. Produce paura e ansia, oltre ad avere un suo particolare sistema mnemonico.

Putamen. Controlla le funzioni motorie. Se iperattivo, puт innescare reazioni inappropriate al momento sbagliato.

Il cervello umano и un sofisticato “prodotto” di due menti distinte: i due emisferi del cervello sono collegati da fibre connettive, che consentono loro di intrattenere un dialogo tanto serrato che il risultato finale sembra il lavoro di un’unica mente. Tuttavia, se confrontiamo i loro rispettivi campi d’azione, scopriremo che sono estranei l’uno all’altro. Studi accreditati hanno dimostrato che ogni emisfero и strutturato in modo diverso e ha facoltа specifiche: il dx appare piщ emotivo, ed и responsabile dei sentimenti di tristezza e disperazione. Anche la coscienza spaziale, la capacitа di riconoscere un viso o immagini mimetizzate e quelle di capire immediatamente una struttura hanno origine nella parte dx del cervello. Il cervello sx puт analizzare strutture complesse nei loro componenti, ma tende a perdere di vista l’insieme a vantaggio dei particolari. Ha una grande capacitа deduttiva e sa utilizzare i simboli e il linguaggio per trovare la strada nell’ambiente esterno. La sua perizia nel calcolare, concepire, programmare e comunicare ha largamente contribuito all’affermazione dell’essere umano. La causa delle diverse propensioni degli emisferi olistico e analitico potrebbe essere una differenza fisica congenita:

il cervello dx contiene piщ materia bianca, mentre il sx abbonda di materia grigia. Ciт significa che il cervello dx и organizzato piщ liberamente, con connettori a lungo raggio tra i neuroni distanziati gli uni dagli altri. Potrebbe essere questo il motivo per cui questo emisfero eccelle nei tratteggi ampi e spesso confusi, mentre il sx presenta una trama piщ fitta, con i neuroni ammassati gli uni agli altri, ed и capace di analizzare dettagli intricati e precisi.

ALIMENTI per la mente:


NUTRIENTI quotidiani indispensabili per il cervello:

Le piante che fanno bene al cervello sono: Gingko, Salvia spagnola, Iperico, Passiflora.

Greg Doucette IFBB PRO PRIMOBOLAN Explained!! Part 1 of 2.

Описание:

Premessa

Domanda 1
Pensate alla vostra canzone preferita. Chiudete gli occhi e scorretela mentalmente per dieci o quindici secondi. Vi siete concentrati soprattutto:

Si discute spesso della complessitа della mente umana, ma si presta meno attenzione alle caratteristiche “miracolose” del corpo umano, che incredibilmente sa proteggersi e spesso rigenerarsi. Il rivestimento dello stomaco, ad esempio, si rinnova ogni cinque giorni. Si cambia pelle ogni mese, il fegato si rigenera ogni sei settimane e lo scheletro si rinnova ogni tre mesi. Ogni anno, inoltre, viene sostituito oltre il novantacinque per cento degli atomi presenti nel corpo umano. Il liquido ematico, che contiene venticinquemila miliardi di globuli rossi e percorre oltre centomila chilometri di vasi sanguigni, regola la temperatura corporea, seleziona opportunamente gli ormoni, gli enzimi e le sostanze nutritive convogliandole nel punto giusto al momento giusto. Con la nuova tecnologia sappiamo che i neuroni del sistema sono i trasmettitori chimici dei messaggi del cervello al corpo. Ogni cosa и costantemente controllata: dal battito cardiaco alle capacitа motorie, dalle percezioni sensoriali alle reazioni emotive. I pensieri e le emozioni vengono trasmessi a zone altamente specializzate del cervello che, a loro volta, le selezionano con precisione. Il fenomeno, comunque, piщ affascinante sta nello spazio interno del cranio umano: il cervello. Le sue parti sono collegate tra di loro da circa due milioni di terminazioni nervose. All’interno di questa massa grigiastra, del peso di circa 1350 grammi, un elevatissimo numero di neuroni – dai dieci ai quindici miliardi – provvede a selezionare ed elaborare tutte le informazioni disponibili… assegna prioritа e limita l’uso di tutte le altre facoltа… governa, controlla e regola le varie funzioni del corpo. E’ davvero straordinario come quest’unico organo racchiuso nella scatola cranica controlli l’attivitа dei sistemi e involontari del corpo (SNC e SNP), la coscienza, i pensieri, la percezione, persino la creativitа. Registra permanentemente tutte le informazioni e tutte le esperienze – immagini, suoni, parole, sensazioni tattili, gusti e odori – che diventano le fondamenta delle nostre convinzioni fondamentali. In breve, и il sistema di credenze che agisce da forza – guida in quasi tutto quello che si fa. La massa cerebrale и costruita da due parti, ciascuna delle quali delle dimensioni del pugno di un adulto, separate da una fessura longitudinale e collegate da un ampio fascio di circa duecento milioni di fibre nervose, chiamate “corpo calloso”. Sono i due emisferi: quasi identici nell’aspetto, hanno comunque specifiche funzioni, compiti e “responsabilitа”. (Emisfero sx: muove e controlla la parte dx del corpo, contribuisce alla capacitа di razionalizzare e usare la logica. E’ orientato verso la realtа, controlla il linguaggio e la parola, capace di verbalizzare, osserva le singole cose. Chi usa questo emisfero ragiona in modo logico e sistematico: pianificare la giornata, rispettare programmi quotidiani, parlare, eseguire calcoli. Emisfero dx: muove e controlla la parte sx del corpo, non и razionale. E’ intuitivo, si esprime attraverso i sentimenti, la musica, l’arte, il simbolismo. Chi и dominato da questo emisfero sogna, capisce le metafore, crea nuove combinazioni di idee… il senso logico e la sequenzialitа svolgono un ruolo insignificante per questi soggetti). Sebbene ogni emisfero abbia la propria specializzazione e vengono entrambi usati, si и dimostrato che in ogni essere umano prevale o l’uno o l’altro emisfero. Siamo quindi tutti “sinistrorsi” o “destrorsi”. Apprendendo le tecniche ipnotiche, и possibile aiutare se stessi ad accedere alle vaste zone inutilizzate del cervello, attivare determinati circuiti nervosi … alla scoperta delle immense potenzialitа cerebrali.