Sangue dal naso nei bambini: cosa fare e quali sono le cause dell’epistassi nei più piccoli

  1. Health
  2. Medicina
  3. Malattie e disturbi

Quando si parla di sanguinamento dal naso ci si riferisce all’epistassi, un fenomeno molto frequente, a qualsiasi età, ma soprattutto nei bambini. Generalmente in caso di sanguinamento del naso ci si preoccupa subito molto, quando in verità non sarebbe necessario fino a che l’emorragia non è massiva e la perdita è solo locale. Non è neppure necessario rivolgersi ad un Pronto Soccorso, a meno che il sanguinamento non duri oltre i 20 minuti.

Le cause dell’epistassi

Le cause sono molteplici.

Se si perde sangue solo da una narice la causa può risalire a:

  • un corpo estraneo
  • un trauma
  • l’aver inserito un dito nel naso
  • presenza di varici del setto nasale
  • rinite allergica o infettiva

Se si perde naso da entrambe le narici invece, la causa può essere dovuta a:

  • una patologia della coagulazione
  • una malattia sistemica
  • l’assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei

Cosa fare

Come prima cosa bisogna provare a tenere compresse le narici tra le dita nella parte morbida per almeno 3 minuti, in modo da favorire la formazione del coagulo. Si può anche far piegare la testa del bambino in avanti facendolo respirare dalla bocca. Quando è possibile (se disponibile), mettere del ghiaccio sulla fronte e/o sulla nuca del bambino: questo intervento, infatti, provoca un’immediata vasocostrizione e di conseguenza una riduzione e un rapido arresto dell’emorragia.

Cosa non fare

Quello a cui si assiste più frequentemente è vedere il bambino che perde sangue dal naso con la testa piegata in sù per arrestare l’emorragia. Niente di più sbagliato! Il bambino non dovrebbe essere mai fatto sdraiare né invitato a piegare la testa in sù perché così facendo il sangue finisce inevitabilmente in gola e ciò potrebbe causare il vomito. Non andrebbero neppure mai inseriti nelle narici batuffoli di cotone o garze perché molto spesso, una volta che vengono tolti, compare una nuova emorragia.